CHIESA VIVA

La verità vi renderà liberi ...

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

WINSTON CHURCHILL

E-mail Stampa PDF


È raro trovare chi colga nella sua realtà la storia panoramica di questi tre secoli di lotta continua contro la Chiesa cattolica, portata avanti subdolamente dall’ebraismo ateo sulla traccia del capitolo 11° della Lettera di San Paolo ai Romani.L’ebraismo anticristiano ha creato lo strumento del suo occulto potere nella Massoneria, sorta quando gli ebrei rientrarono in Inghilterra, grazie all’intesa tra ebrei e inglesi, sancita da Manasseh Ben Israel e Olivier Cromwell nel 1650: gli ebrei si impegnarono a dare impulso all’economia e all’espansione marittima degli inglesi, e questi, in ricambio, avrebbero accettato il trasferimento della piazza di affari ebraica da Amsterdam a Londra, creando le grandi istituzioni finanziarie (banca, borsa, ecc.) che avrebbero portato gli ebrei al dominio del mondo.Nella prima metà del settecento, la massoneria era diffusa dall’America all’India come strumento di spionaggio e di potere politico anglo-ebraico. Alla fine del settecento, ebraismo e massoneria provocarono la Rivoluzione Francese. Nel 1848, il capo della massoneria inglese, Lord Palmerston, annunciava i lineamenti della nuova Europa con la distruzione dell’impero austro-ungarico e dello zarismo russo, nonché l’unificazione dell’Italia sotto il governo massonico.Il nostro secolo ha visto realizzarsi in pieno la caduta dello zarismo e l’avanzata del comunismo nel mondo con le due guerre mondiali e la progressiva erosione delle frontiere del Cattolicesimo in Armenia, nel Libano, in Jugoslavia, ecc., e la penetrazione del modernismo all’interno della Chiesa.Oggi, l’ebraismo domina il mondo col potere finanziario, la massoneria, il mondialismo sinarchico, il piano malthusiano, il controllo dell’informazione, i programmi di globalizzazione, ecc.La storia di questi tre secoli gronda lacrime e sangue più di tutto il passato!Alcuni aspetti della stretta connessione tra ebraismo e i suoi strumenti (massoneria, liberalismo, comunismo, socialismo, ecc. ) sono bene evidenziati dalle documentazioni riportate nel volume in lingua spagnola “Traicion a Occidente”, a cura di Traian Romanescu dell’Università di Budapest, edito nel Messico 1961.Ne riassumiamo alcune informazioni riguardanti le malefatte di Winston Churchill, primo ministro inglese.

***

Nella prima metà del nostro secolo Churchill è stato un tassello nel mosaicodi quanti hanno provocato la morte, la schiavitù, la miseria di decine di milioni di persone. Egli, portò a termine le missioni, affidategli dai suoi capi, col sanguefreddo del criminale cosciente dei propri delitti, come confessò nelle sue“Memorie”,riferendosi al Trattato con Stalin, a Mosca (1944), quando, in nome dell’Inghilterra e alleati consegnò i paesi del sud-est Europa nelle mani del mostro rosso.Personalmente, non era favorevole al comunismo. Anzi, nel 1919, protestò contro il “Consiglio dei Cinque” diretto da Wilson, perché non intervenne per tempo a favore degli anticomunisti russi, dando modo alla vittoria dei rossi di Mosca. Allora, Churchill pubblicò nel periodico “The Aftermath”, un articolo in cui affermava:«Il momento colto dal Supremo “Consiglio dei Cinque” per prendere questa decisione (di dare appoggio agli anticomunisti russi) è stato esattamente quello che non serviva più a nulla. Nello spirito del Consiglio era sempre esistito ed esisteva, nell’estate del 1919, scetticismo nei confronti degli avversari del bolscevismo, dato che era alimentato da false informazioni sul governo di Mosca e della Terza Internazionale, e manifestava un vero desiderio di intendersi con gli estremisti di Mosca...».Tuttavia, eseguendo gli ordini della mafia, di cui era membro, come tutti i capi politici inglesi di oggi, poiché senza essere massoni nessuno può figurare nella politica di Albione, Churchill agì sempre a favore del comunismo e dell’internazionale ebraica.È lui che lanciò l’espressione di “Cortina di Ferro” alla frontiera che divide il mondo comunista dal mondo libero; lui stesso contribui alla creazione dellastessa Cortina. È sua la celebre frase: «Mentre il capitalismo occidentale non ha potuto distribuire in modo uguale la ricchezza tra i cittadini dei suoi paesi, il comunismo ha il merito di distribuire in modo eguale la miseria nei paesi da esso dominati».Non si può dubitare dell’acutezza delle parole di Churchill, benché sempre contraddette dai suoi fatti.Churchill si era fatto notare durante la guerra dei Boeri nel 1900. Essa fu scatenata dall’Inghilterra contro gli olandesi per impossessarsi delle miniere d’oro e diamanti. Traditi da uno dei loro, il generale Smuts, i Boeri perdettero la guerra e i loro paesi furono occupati dagli inglesi, anche se, dopo anni di lotta, i Boeri riuscirono ad ottenere il controllo del Sudafrica all’interno del Commonwealth.La fama di Churchill salì durante la prima guerra mondiale, quando fece adottare le auto-blinde.La vittoria nella prima guerra fu, in realtà, la prima grande sconfitta del mondo cristiano, che perdette milioni di uomini, soffrì mutilazioni enormi e favorì la vittoria del comunismo in Russia e in tutta l’Europa.Churchill nutriva un odio viscerale contro il popolo tedesco, odio comune a molti inglesi, nonostante l’affinità razziale e di lingua tra inglesi e tedeschi, e che la famiglia Reale britannica sia di origine tedesca (Hannover), e nonostante che gli interessi del popolo inglese coincidessero con quelli tedeschi. Questa inimicizia può spiegarsi solo per l’influsso degli ebrei. Basta che un ebreo e massone, come Max Aitkens, conosciuto come Lord Beaverbrock, o un periodista massone come il ridicolo “Cassandra”, oppure che il “Jewish Chronicle” di Londra comincino a gracchiare contro i tedeschi, e tutti gli inglesi entrano in stato di allarme. Gli inglesi sono più” attenti a ciò che avviene in Germania più che a quanto accade nella propria terra, ed essi vedono con gelosia la Germania rinata dalle sue ceneri, grazie al cattolico Adenhauer, pur tra enormi difficoltà politiche ed economiche, mentre l’impero inglese, nel dopoguerra, è stato quasi sempre all’orlo del fallimento.Il giudaismo e la massoneria sfruttarono l’odio insano di Churchill contro la Germania e contro Hitler. Lo stesso Charnberlain, benché massone (senza essere massone non avrebbe potuto essere primo Ministro!), e benché nemico della Germania, non era tuttavia un anti-tedesco tanto viscerale quanto Churchill, e aveva capito che era interesse di entrambi i paesi quello di evitare la guerra. Quando a Monaco cercò un accordo con Hitler (1938), l’opposizione della giudeo-massoneria, trasferì l’incarico del Governo a Churchill.A fianco di Roosevelt, Churchill fu il principale responsabile del tradimento dell’Occidente (forse per questo, nel 1953, ebbe il massonico Premio Nobel... in letteratura!).Suo capolavoro fu l’accordo segreto con Stalin, a Mosca, nell’ottobre 1944; accordo che costò la libertà di cinquanta milioni di cittadini dell’Europa Orientale, ai quali Churchill e Alleati avevano promesso di poter scegliere il governo che desideravano. Churchill persino si vantò nel parlare di questo “patto” nelle sue “Memorie”.Con questo affare criminale, fu tradita la Romania, alleata dell’Inghilterra, che le aveva garantito le frontiere contro qualsiasi invasione sovietica. Nel 1940, questo Trattato fu annullato da Churchill, e i sovietici si impadronirono della Bessarabia e della Bucovina.Churchill pubblicò, su “Le Figaro” del 13 novembre 1953, le memorie del suo viaggio a Mosca nel 1944.Con una sincerità degna di miglior causa, racconta le modalità con cui furono regolati, in tale occasione, gli accordi di spartizione del potere tra Gran Bretagna e i sovietici, indipendentemente dagli Stati Uniti.Questa spartizione, molto simile ad altre spartizioni del tempo, è designata col nome di “predominio” ed espressa in percentuali: 90%di predominio sovietico in Romania, in cambio del 90% del predominio britannico in Grecia;75% di predominio sovietico in Bulgaria, e uguale predominio degli alleati in Ungheria e Jugoslavia.Al momento di concludere il patto, queste cifre furono scarabocchiate da sir Winston Churchill su un pezzo di carta. Churchill protese la carta davanti a Stalin - racconta lui stesso - e annota: «Ci fu un momento di esitazione. Poi, Stalin prese il suo lapis azzurro e tracciò una linea marcata in segno di approvazione e me lo resititui. Tutto fu regolato in un tempo minore di quello necessario per scriverlo».

Nell’agosto 1941 la “Carta Atlantica” proclamava “il diritto di ogni popolo a eleggere la forma di governo sotto il quale voleva vivere”.

Nel gennaio 1942, la dichiarazione delle Nazioni Unite prendeva atto dei princìpi della “Carta Atlantica”.

Nel febbraio 1945 nei protocolli dei lavori della “Conferenza di Yalta” veniva dichiarato che, dopo la “liberazIone” dell’Europa, le potenze signatarie si impegnavano a stabilire, quanto più presto possibile, tramite libere elezioni, “Governi che fossero espressione della volontà dei popoli”.

Tra i diritti sovrani dei govemi che fossero espressione della volontà dei popoli e il sistema dei “predominI”, la dIfferenza è tanto grande che viene esclusa qualsiasi possibilità di confusione o controversia. Allora ci si domanda: dove sta la vera posizione della Gran Bretagna? Nelle dichiarazioni pubbliche solennI o nel pezzo di carta approvato col lapis azzurro?

Churchill aggiunge nelle sue “Memorie”:«Ci fu un lungo silenzio. Il foglio traccIato con l’azzurro rimase al centro della tavola. Alla fine, io osservai: Non sarà giudicato un po’ cinico il modo troppo libero con cui abbiamo regolato questi affari dai quali dipende la sorte di milioni di esseri? Bruciamo questo foglio?

No, difendiamolo! disse Stalin». Lo scritto incontrò, in seguito, la più larga pubblicità nelle “Memorie” del Premio Nobel di Letteratura del 1953. I milioni di esseri umani, la cui sorte fu decisa da Churchill, si sono chiesti: «Chi era cinico nell’ottobre 1944 ha cessato di esserlo nel 1953? L’idea di ripartizione genocIda, regalata dalla “flemma” di Churchill, ha una conferma nella “Carta Atlantica” e nella “Dichiarazione delle Nazioni Unite”.

Il tradimento e il delitto di Churchill, nel 1944, furono approvati dagli Stati Uniti e dalla Francia nella grande Conferenza di Ginevra nel 1955, quando i “venerabili fratelli” Eisenhower, Edgard Faure e Antony Eden si riunirono coi criminali del Kremlino, Bulganin e Krusciov per definire la sorte dell’Est Europa e porre le basi al tradimento genocidia pianificato come “coesistenza pacifica” e “spirito di Ginevra”, e pIù tardi “spirito di Campo David”, che altro non è se non lo spirito di tradimento giudeo-massonico a favore del comunismo. Altro inqualificabile crimine di Churchill fu la consegna ai sovietici e ai comunisti di Tito di oltre 200.000 anticomunisti cosacchi, russi, serbI, sloveni, croati, e altri che avevano lottato contro il bolscevismo a fianco dei tedeschi e, alla fine della guerra, si erano rifugiati in Austria con le loro famiglie e i loro sacerdoti. Questi rifugiati si trovarono nel territorio occupato dalle truppe britanniche. Tra loro combattevano 37 generali, 167 colonnelli, e circa 5000 ufficiali, oltre le migliaia e migliaia di donne, bambini, anziani e sacerdoti. Tutti si erano consegnati agli inglesi, su promessa di essere trattati come prigionieri e di ricevere più tardi il trattamento di rifugiatI. Dopo un incontro segreto tra sovietici e inglesi, firmato il 23 marzo 1945, Churchill e i suoi generali li consegnarono alla morte sotto gli artigli comunisti. Questo delitto fu come quello commesso dai militari sovietici contro le truppe polacche, assassinate in massa nella foresta di Katyn! Churchill ha giocato un ruolo decisivo nella politica di tradimento verso l’Occidente e il suo stesso paese, politica portata avanti dai Governi “conservatori” di sua Maestà Britannica. Durante il 1953, Churchill che nel ‘51 era stato rieletto Primo Ministro, fece visita al suo antico complice il generale Eisenhower. In tale occasione, Eisenhower e Churchill visitarono ufficialmente il loro capo, l’israelita Bernard Baruch.

I tre “grandi” sI fecero fotografare e, nella foto pubblicata dalla stampa, si sono visti Eisenhower e Churchill seduti allo stesso livello, mentreBaruch era seduto tra loro due più in alto, in posa accuratamente pensata, perché fosse evidenziato l’ebreo, gran maestro del disastro dell’Occidente, installato come imperatore sul trono tra i suoi cortigiani!La foto fu pubblicata, non a caso, dalla stampa giudeo-massonica per mostrare, a chi ha occhi, quale è la vera posizione di Baruch, “messia” dell’ebraIsmo e cospiratore tra i suoi vassalli, vili esecutori della consegna di distruggere la civiltà cristiana occidentale!

You are here: I Giganti del male WINSTON CHURCHILL